Proroghe dei termini di notificazione se la parte “si trova” all’estero

GIUSTIZIA / Giudizio amministrativo

Proroghe dei termini di notificazione

Il T.A.R. Roma affronta la questione dell’applicabilità delle proroghe ex art. 41, co. 5, c.p.a. anche in casi in cui la parte non sia “residente” ma “si trovi” semplicemente all’estero.

Norma

T.A.R. Lazio – Roma – Sentenza  15 settembre 2016 , n. 9766
> Giudizio amministrativo – Procedura – Notifica – Termini – Proroga per la parte residente in Stato europeo o extraeuropeo – Equiparazione con la parte che si trovi all’estero – Sussiste – Fondamento – Fattispecie

Related posts:

Giudizio amministrativo, Norma, Termini , , , , , ,

Informazioni su Giuseppe Bruno

In qualità di praticante avvocato, svolgo da più di un anno attività giudiziale e stragiudiziale nei principali settori del diritto amministrativo e civile, collaborando con studi specializzati e con un'importante società di consulenza internazionale in qualità di praticante avvocato. Ad oggi, mi sono occupato prevalentemente di: - contratti pubblici (appalti, concessioni, project financing); - anticorruzione (redazione di piani anticorruzione, due diligence, checklist); - trasparenza amministrativa (accesso documentale, accesso civico generalizzato/FOIA); - amministrazione digitale (gestione documentale, conservazione sostitutiva); - diritto dell'ambiente; - diritto sanitario. Collaboro dal 2015 con il quotidiano d'informazione giuridica "Norma", presso il quale pubblico quotidianamente articoli e massime sulle principali pronunce di giustizia amministrativa e contabile. Mi sono laureato in Giurisprudenza a luglio del 2016, discutendo una tesi in diritto e regolazione pubblica dell'economia sul tema "Pianificazione e governo delle infrastrutture: il caso ferroviario" (Relatore: Giuliano Fonderico. Correlatore: Marcello Clarich). Appassionato di infrastrutture, trasporti e politiche per il territorio, coordino dal 2015 la community Moovit della provincia di Foggia, occupandomi dell'accuratezza dei dati relativi al trasporto pubblico locale, provinciale e regionale

Precedente Stazioni di servizio in autostrada: quid iuris? Successivo Concorsi pubblici: revoca del bando e profili risacitori